Gli Argonauti N° 164 (1° parte) – Maggio 2022

Gli Argonauti N° 164 (1° parte) – Maggio 2022

SAGGI

Vera Regina Fonseca Montagna

Rembrandt: a proposito di un autoritratto
[Scarica l’articolo in formato .PDF]

Traduzione di Iara Morata Martines e Renato Davì

Abstract: L’autore sviluppa il tema dell’impatto estetico dell’arte sullo spettatore, prendendo come guida un‘esperienza personale di fronte a un autoritratto di Rembrandt (1660). Esamina alcune relazioni tra lo spettatore e l’Arte.

Keywords: Arte, Rembrandt, esperienza estetica, apprezzamento estetico, coerenza simbolica, intimità.

 

Rembrandt: resonances of a self-portrait
Abstract: Taking her personal experience in front of one of the latest Rembrandt ́s self-portrait (1660) as a guide the author considers some relations between the audience and Art and its aesthetic impact.

Keywords: Art, Rembrandt, aesthetic experience, aesthetic appreciation, symbolic congruence, intimacy.

 

 

Angela Peduto

Pandemia e soggettività: tra catastrofe e trascendimento
[Scarica l’articolo in formato .PDF]

 

Abstract: L’A. fa riferimento ad alcune nozioni freudiane, in particolare a quelle di Nebenmensch e Hilflosigkeit, per rischiarare di senso le reazioni psichiche osservate in questi due anni di pandemia. Quanto ai diversi destini della pandemia, l’A. ritiene che occorra rivolgersi alla teorizzazione freudiana sulla pulsione di morte, nel senso più squisitamente e originariamente freudiano di potenza di slegamento, che disaggrega e frammenta le costruzioni della pulsione di vita. Il problema, in tutti gli assetti di cura, sarà come riuscire a sostenere le forze di legame e di vita.

Keywords: Pandemia, Unheimlich, Hilflosigkeit, pulsione di vita, pulsione di morte.

 

Pandemic and subjectivity: between catastrophe and transcendence

Abstract: The author suggests the Freudian notions of Nebenmensch e Hilflosigkeit to be particularly relevant to shed light on the psychological reactions that have been observed throughout the past two years. The Freudian notion of death-drive (Todestrieb) is suggested to be key to understanding the fates of the pandemic. The concept is used here with its original meaning. It is the impulse by which everything that has been created through the life-drive gets broken apart, fragmented, and crumbled. In all psychotherapy settings, the author claims, the problem will be about finding the way to hold on to the drive that supports and preserves life.

Keywords: Pandemic, Unheimlich, Hilflosigkeit, life drive, death drive.

 

 

SAGGI CLINICI

Maria Bernardini e Luisa Consolaro

Emma e i suoi genitori. Settings distinti per favorire un incontro
[Scarica l’articolo in formato .PDF]

 

Abstract: Nell’ articolo si ricostruiscono due processi terapeutici congiunti, la terapia individuale di Emma, una giovane donna depressa con struttura borderline di personalità, e quella in coppia dei suoi genitori. Pur essendo i due processi distinti, l’obiettivo comune e il lavoro di confronto tra le due terapeute ha favorito un percorso parallelo di ri-significazione e rielaborazione della sofferenza individuale e familiare e il tentativo di risintonizzarsi per favorire un’esperienza emotiva correttiva non solo in terapia ma anche nella relazione intra-familiare.

Keywords: individuo, famiglia, carenza, trasmissione intergenerazionale, terapie congiunte.

 

Emma and her parents: separate settings to facilitate a meeting

Abstract: In this article are reconstructed two joint therapeutic paths, the individual treatment of Emma, a depressed young woman with borderline personality organization, and the couples therapy of her parents. While the processes distinct, the common aim and the connection between the two therapists favored a parallel work of re-signification and reworking of the personal and familiar suffering, and the attempt to re-tune into each other, to foster an emotional corrective experience not only in the therapy but also in the intra-family relationship.

Keywords:iIndividual, family, shortage, inter-generational transmission, joint therapies.

 

[Leggi tutti gli articoli]

Vuoi pubblicare sulla rivista?

Se sei un autore e vuoi pubblicare sulla Rivista, leggi il regolamento
e invia il tuo scritto a referees@argonauti.it